Teramo-Pontedera 2-0 – E adesso andiamoci a prendere il cielo, il sole, la luna e le stelle…

Queste non sono partite normali, non sono partite che puoi commentare sotto l’aspetto tattico e tecnico. Magari qualche teorico del pallone potrebbe cogliere spunti e deliziarci sul come e sul perché il Teramo di oggi è riuscito a vincere. Personalmente non riesco, anche perché a due giornate dalla fine di un campionato del genere non credo di avere ancora così tanta lucidità mentale.
Chi ama questi colori, chi ha vissuto più amarezze che gioie al seguito del magico Teramo è sicuramente più credibile se prova a raccontare quello che vede attraverso le emozioni.
E i sussulti emotivi che stiamo vivendo, oramai da diversi mesi, giornata dopo giornata, sono di una intensità tale che mai avremmo creduto di poter provare per la squadra della nostra città.
C’è poco da fare, è vero che la passione va ben oltre la categoria, che le vittorie sono tutte uguali, ma è altrettanto vero che giocarsi la serie B e vedere la vittoria del campionato materializzarsi in maniera così concreta rappresenta un qualcosa di veramente speciale… unico.
E’ inutile sottolineare anche oggi la grandezza di questi ragazzi campioni di umiltà e determinazione. Gol e giocate di assoluta qualità come nessuno in questo girone.
Uomini veri che non alimentano i propri muscoli e il proprio orgoglio a colpi di €uro ma sanno costruire storie fantastiche con il sudore della fronte con l’attaccamento alla propria maglia e alla gran voglia di vincere.
Oggi non era facile… la sconfitta di Prato, seppur immeritata, poteva minare qualche certezza in un gruppo forte ma non certo abituato alle tensioni di un campionato al vertice. La pressione della piazza, arrivati a questo punto, è notevole, le aspettative sono enormi e saperle gestire, se non hai la giusta esperienza, non è sempre facile.
Ed è per questo che la risposta calorosa di Teramo Città in una settimana difficilissima sotto l’aspetto emotivo ha certificato la simbiosi perfetta squadra/tifosi. I ragazzi hanno avvertito la fiducia incondizionata della gente e sul campo hanno risposto come solo le grandi squadre sanno fare.
Ora siamo ad un passo dall’apoteosi, DIPENDE SOLO DA NOI e dalla nostra forza. Vantaggio indiscutibile… vista la nostra forza.
Al contrario i meschini ascolani, nel loro piccolo, continuano a vincere ancora grazie ai loschi giochi di palazzo che nelle ultime giornate sembrano essere tornati alla carica con una certa prepotenza come da indicazioni fornite dal “Sommo” Lotito.
Anche oggi immeritata vittoria con l’uomo in più… è la seconda volta in due partite consecutive che la squadra avversaria subisce sanzioni (inventate) che risulteranno decisive ai fini del risultato finale… ne prendiamo atto, pur continuando a vincere sul campo come sempre fatto, non possiamo non osservare, con profondo disgusto, il triste disperato teatrino messo in piedi da quel calcio mafioso che li ha salvati anche da una sacrosanta radiazione!
Terminata la doverosa parentesi dedicata al marcio del calcio moderno pensiamo al Savona…trasferta non proprio dietro l’angolo ma tappa storica per il nostro magico Diavolo.
Una vittoria regalerebbe la più grande gioia sportiva alla nostra città da 102 anni a questa parte, una storica promozione che ripagherebbe tutti noi degli enormi sacrifici fatti per inseguire quattro promozioni tutte SUL CAMPO, stagione dopo stagione e spazzerebbe via, in un solo attimo, tutte le cocenti delusioni raccolte a vagonate negli anni passati.
Di fronte a questo scenario non credo che una pur significativa distanza chilometrica possa fiaccare l’entusiasmo di chi vuole scrivere il finale di questa splendida favola e vuole farlo di proprio pugno..
La partita di sabato sarà il crocevia decisivo non soltanto per la vittoria del campionato ma anche per il futuro del nostro Teramo e una presenza massiccia, colorata e calorosa del popolo biancorosso sarà fondamentale per la vittoria finale.
Il colpo d’occhio offerto oggi dallo Stadio Bonolis è stato fantastico e commovente,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *