Salernitana – Teramo * – 1 – anche se perdi io non mi abbatto…

Sconfitta indolore e forse anche ampiamente prevedibile.
Il Teramo oramai è in vacanza…meritatamente in vacanza…le emozioni che questi ragazzi sono stati in grado di regalare alla Teramo sportiva per l’intera stagione non saranno mai e poi mai cancellate da una sconfitta in una gara di fine stagione.
Perdere non è mai bello…ma non possiamo e non dobbiamo pretendere NULLA dai nostri eroi…ci hanno regalato il Paradiso e a mio avviso dovrebbe bastare……ad inizio stagione avrei sicuramente barattato la sconfitta di ieri con la promozione diretta in serie B…..per cui abbiamo l’obbligo di continuare a festeggiare….l’apoteosi della stagione non era la una vittoria (ancora possibile) in Supercoppa di Lega ma acquisire il diritto a giocarla….
Sulla partita poco da dire…..predominanza fisica della Salernitana….la migliore squadra del girone C….ho detto tutto…..giocatori di ottimo livello che uniscono ad una tecnica eccellente una cattiveria ai limiti del penale. Picchiatori doc ma gran giocatori.
Dal canto nostro abbiamo cercato di mettere in campo, tra un meritato festino in discoteca e una inguardabile danza Maori, quell’organizzazione di gioco e quella qualità assoluta di alcuni singoli che ci hanno permesso di dare spettacolo nel nostro girone e stravincerlo meritatamente ma non è bastato
Ieri abbiamo preso atto che nel girone C la fisicità è parte integrante….ci hanno randellato di mazzate dall’inizio alla fine, mai prese tutte queste botte….e lo sapevano anche fare.

Mi metto anche nei panni del povero Narduzzo….in una tonnara del genere uscire sugli spioventi in area non era consigliabile……il mammoccio ne sarebbe uscito con una processione di schiaffi al seguito….solo il miglior Tonti avrebbe retto l’urto. Già sul rigore parato il salernitano lo ha guardato malissimo giurandogli l’incaprettamento a fine gara. Me lo ha traumatizzato.
Confidavo nella prestanza fisica di Diakitè, la mia colonna d’ebano, come nelle motivazioni dell’autoctono Masullo che sa come muoversi in certi ambienti….niente da fare…intimoriti anche loro…con di Di Matteo in campo, bello piazzato, sguardo da calabrese incazzato e pregiudicato, ho sperato nella svolta…manghe pè cazz…..però l’ingresso di DPL7 mi ha sconvolto, da padre, mi sono messo nei panni dei poveri genitori…..il cavallo mio mandato al macero NO !!! Questo dopo avermi regalato la B mi deve regalare la serie A va preservato come la sacra sindone…mannaggiailclero Vivarì !!!!!!!!!!!

Ma i nostri in fin dei conti sono dei poeti del calcio…delle libellule che danzano sul pallone….al cospetto di fortissimi “brutti ceffi” (il 10 chiaramente un avanzo di galera) le speranze erano oggettivamente pochissime ma io me li tengo così. Li adoro a prescindere. Piccoli, teneri, belli, pallidi e vincenti.
Accettiamo la sconfitta in tutta serenità….e continuiamo a sognare che la festa non è affatto finita….l’estate ci aspetta.
Un immenso grazie va anche ai 50 presenti all’Arechi…valore aggiunto di questa Città, anima e cuore di questa squadra….FANTASTICI e COMMOVENTI.

Domenica tutti al Bonolis per l’ultimo atto di questa meravigliosa stagione.

FORZA MAGICO TERAMO
FORZA VECCHIO CUORE BIANCOROSSO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *