Tuttocuoio(pelli) – Teramo 1-0 – Umiltà, orgoglio o compattezza… oppure saranno cazzi!!!

Obiettivamente non era facile, col senno di poi appare ancora più chiaro ed evidente che non era affatto facile… perdere contro una simile banda di morti!
Rispetto ad Ancona poco è cambiato, compreso il valore nullo dell’avversario.
Partita dominata fino al gol, nato per gentile concessione di una difesa poco aggressiva sul portatore di palla… in attesa di restituzione palla dall’avversario per un nostro giocatore a terra.
Mi viene da sorridere al solo pensiero di come si possa pretendere un “regalo” simile nei nostri confronti… pensavo fosse chiaro che a noi NESSUNO ci ha mai regalato e mai regalerà nulla.
Tenetelo bene a mente giocatori, soprattutto voi nuovi.
Imbarazzante l’assoluta pochezza in attacco, una carenza talmente tanto evidente che è riuscita a far sembrare legittima la vittoria di un Tuttocuoio che avrebbe firmato per un pareggio.
Il gol preso come ad Ancona è figlio di un errore, questa volta di concentrazione, elemento ben più preoccupante della sconfitta stessa.
Disarmante la poca incisività in attacco. Disarmante la percezione che trasmette questa squadra di poter giocare anche sei giorni di fila senza riuscire a trovare la via della porta.
Ma le sconfitte, anche quelle più grottesche, difficilmente sono riconducibili ad un solo errore.
Il solo pensare di poter ripetere lo splendido campionato dello scorso anno con Mirko Petrella in quella zona del campo credo sia un atto di presunzione che Gesù Cristo ci potrebbe far pagare molto ma molto duramente.
Come credo che le difficoltà attuali siano da attribuire per buona parte alle tremende vicissitudini di quest’estate e non certo al valore dei giocatori, quello c’è e non si discute.
Giudicare i nuovi soprattutto in questo inizio di campionato rappresenta un salto nel buio.
Si potrebbe anche fare… ma ci troveremmo costretti ad invitare ad un repentino cambio di mestiere sia Scipioni che Di Paolantonio a dir poco penosi nelle ultime due gare disputate…
Può essere una cosa del genere??? Assolutamente no.
Due splendidi eroi della cavalcata trionfale oggi sembrano due modesti apprendisti del pallone… mentre ne conosciamo tutti il valore e l’indiscutibile attaccamento alla maglia.
Quindi inviterei alla calma nel sentenziare in maniera categorica su alcuni giocatori tipo Calvano, oggi decisamente da prendere a calci nel culo… ma non credo sia affatto questo il vero Calvano, come non può essere lui e nessun altro giocatore dalla Lega Pro alla B il sostituto naturale dell’insostituibile Diego Cenciarelli.
Il problema di questa squadra può essere nel fisico ma forse anche nella testa.
Sul fisico si può lavorare e il tempo risolverà ogni cosa, sulla testa anche, molto dipenderà dalla voglia di vincere che portano in corpo, ma da soli potrebbero non farcela e in questo caso l’ambiente ha il dovere di provare a fare la differenza.
Credo sia il caso da parte di tutti di ritornare indietro nel tempo con un bel lavaggio del cervello magari provando a dimenticare il recente passato per cercare di difendere a spada tratta sia il presente che il futuro.
Basta voli pindarici, basta, finito.
Non ce lo possiamo permettere, semplicemente perché la nostra Storia non lo consente.
Solo un incredibile mix di umiltà e entusiasmo ci aveva regalato, anche se per un solo mese, l’anticamera del paradiso.
Ma la realtà attuale è questo campionato prestigioso, di una difficoltà estrema, un grosso risultato per la nostra piazza giocare in terza serie nazionale che oggi sembra quasi rappresentare una penitenza sulla terra.
Su quale cazzo di base ancora non riesco a capirlo… è chiaro che qualcosa non mi torna.
Non vorrei mai e poi mai vedere la Teramo sportiva trasformarsi, in termini di mentalità, nel picchio-ascolano dell’anno scorso… un “modello” da evitare assolutamente come la peste per tutto quello che di negativo ci potrebbe regalare.
Noi non siamo Ascoli, per fortuna, nessuno arriverà mai in nostro soccorso per donarci a tavolino qu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *