Teramo – Cafoni del Gran Sasso 2-1 – Si torna vincere!

Finalmente si torna alla vittoria… battuti i pecorai della parte infelice del Gran Sasso.
Nulla eccepire…. vittoria legittima e forse anche striminzita nel punteggio.
Evidente la differenza di tasso tecnico in campo… da un lato chi il pallone lo accarezza disegnando geometrie quasi perfette, dall’altro chi lo prende a picconate, unico strumento di precisione in uso da quelle parti… una squadra brutta, come la sua gente, che merita tutto il nostro sano disprezzo.
Bellissimo Teramo, gagliardo come non mai e perfettamente consapevole dell’importanza che aveva questa gara… per la classifica ma anche per noi tifosi… occasione importante di rivincita in uno dei pochi Derby ancora in vita.
Nel momento più importante, quello dell’estremo sforzo necessario per tirarsi fuori dalla scomoda posizione di classifica è finalmente venuto fuori il vero volto di alcuni giocatori, quelli che sulla carta avrebbero dovuto fare la differenza già da inizio stagione.
Il migliore in assoluto un maestoso Beppe Le Noci… presente come non mai in tutte le azioni di attacco, un vero leone, un indomito lottatore e uomo assist decisivo… la migliore partita in biancorosso.
Un gradino sotto, ma di pochissimo, Moreo… autore di un bellissimo gol e di una partita giocata praticamente a fare a mazzate con il diretto marcatore a difesa della palla e autore di tanti recuperi di pregevole fattura… un giocatore importantissimo, elemento cardine del nostro attacco al quale speriamo venga data maggiore fiducia e altrettanto rispetto… la panchina non è il suo posto… non lo merita lui ma soprattutto non lo meritiamo noi.
Appezzato anche un grandissimo Alessandro Di Paolantonio… motorino inesauribile a tutto campo… cuore biancorosso… così come magistrale è stata la prestazione di Nebil Caidi.
L’infortunio di Speranza, sontuoso Ministro della Difesa, aveva gettato nello sconforto più totale il pubblico biancorosso ma a conti fatti l’immenso cuore di Nebil non lo ha fatto assolutamente rimpiangere. Il che significa, tradotto, che ci siamo trovati di fronte ad una bellissima prestazione di un ragazzo umile che non avrà l’eleganza del nostro capitano ma in quanto a sostanza, ardore e volontà dovrebbe rappresentare un esempio per l’intero mondo del calcio….
C’è una nota dolente che porta in se una amara riflessione… se dobbiamo investire il nostro prezioso tempo, le nostre risorse e rischiare sistematicamente i tre punti per dare spazio a giovani “promesse” arrivate in prestito da altre squadre che a conti fatti tolgono tanto e aggiungono pochissimo all’economia della squadra… preferisco giocarmi il Paradiso, a forza di bestemmie, per un ragazzo delle nostre giovanili che un giorno saprà anche rappresentare una risorsa per il futuro… se proprio dobbiamo fare la “Cantera” di qualcuno, per chissà quale oscuro motivo, cerchiamo di assicurarci le prestazioni di gente dalle indubbie qualità… come è stato brillantemente fatto nel passato con Pepe e Chiesa… due nomi a caso… tanto per rendere l’idea.
Capitolo Tonti… ieri decisamente il peggiore in campo… ha sbagliato tutto quanto umanamente cappellabile… ha praticamente regalato il gol del pareggio (anche se in concorso di colpa con almeno altri due “dormi in piedi” in maglietta bianca) e non contento ha provato a far segnare l’avversario anche nel 4° e ultimo minuto di recupero… solo il caso o il culo (questione di punto di vista) ha evitato un pareggio che avrebbe avuto il sapore amaro di una beffa atroce per l’andamento della gara e per il sottoscritto l’effetto di una tacchettata nei coglioni… accetto le sue scuse a fine gara ma non è quello il punto.
Il buon senso imporrebbe la sua immediata sostituzione a partire dalla prossima gara… ma con chi ???? Narduzzo ??? Peppiacire nen me faciate n’gazzà !!!
Possiamo solo confidare nell’intelligenza del giocatore e della sua capacità di tirarsi fuori da questo momento difficile… il ragazzo è forte ma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *