Teramo – Bassano = 1-1 – primo punto… ma vogliamo di più!!!

Non sono soddisfatto… non si può essere soddisfatti di una prestazione iniziata con 15 minuti di ritardo dove si è concesso all’avversario di giocare e segnare nell’indifferenza più assoluta.
Non è così che si approcciano le partite. La vittoria non è arrivata non soltanto perchè tre legni hanno impedito la marcatura ma per il semplice fatto che abbiamo regalato preziosi minuti di gioco ad un avversario che non aveva certo bisogno di inviti a nozze per castigare alla prima occasione.
Con un migliore atteggiamento mentale e con una condizione fisica accettabile la partita poteva essere ampiamente alla nostra portata.
Lo hanno dimostrato i successivi ottanta minuti dominati in lungo e il largo ma giocati a passo d’uomo dove le accelerazioni degli avversari hanno creato in diverse occasioni scompiglio nella nostra area di rigore.
Praticamente la prima grossa occasione sprecata e i primi due punti, da incamerare in semi-scioltezza, buttati miseramente nel cesso.
Potenzialmente possiamo fare tanto (e faremo tanto)… ma attualmente siamo in grado di fare poco o nulla.
Troppi giocatori fuori fase come il buon Petterman, orribile anche ieri, la bruttissima copia del giocatore ammirato in pre campionato e il D’Orazio che si conferma il giocatore molliccio dello scorso anno, non sa difendere e nemmeno attaccare. Un disastro.
Così come non abbiamo capito la presenza in quel ruolo di questo Altobelli… bocciato senza appello. Praticamente i due terzini un pianto amaro al pari di Carraro… forse fuori ruolo ma ieri decisamente penoso.
Poche le note liete… con il sublime Capitan Speranza a parte (oramai lui è fuori concorso da diversi anni) abbiamo apprezzato un immenso Sansovini… 38 anni di classe pura… giocatore di ben altra categoria che non dovrebbe MAI E POI MAI essere sostituito.
Se non regge i novanta minuti è compito dell’allenatore fare in modo che non si ritrovi a dover correre come un dannato per tre quarti di gara alla disperata ricerca di una cazzo di palla da buttare dentro
Sansovini è un giocatore VERO l’unico insieme a Speranza in grado di fare la differenza… sono gli altri a dover portare l’acqua e non viceversa.
Bene Croce… soprattutto per fare a mazzate in mezzo all’area…la porta non la vede tantissimo o se la vede, la vede sfocata …ma in compenso mena tosto assai.
Benino Ilari (asvijiete però)… ottimo Bulevardi… un peperino molto ma molto paraculo… ma la nota lietissima è Andrate Jefferson Siqueira (Jeffy… per i Vecchi Pivieri) una canna fumaria di tutto rispetto..il classico toro d’area di rigore. Sono bastati pochi minuti e qualche giocata di altissimo livello per far capire lo spessore di questo brasiliano dalla ottima tecnica e dalla fisicità importante e per sua stessa ammissione ancora fuori forma…
A prima vista appare quel tipo di giocatore “alla Masini” o “alla Gambino” che potrebbe far reparto da solo.

A Pordenone solo per i tre punti !!!!!!

FORZA MAGICO TERAMO
FORZA VECCHIO CUORE BIANCOROSSO

Un pensiero a margine, o meglio, la “tirata di sciacquone” domenicale, la vogliamo dedicare all’esordio degli invertebrati di mare nell’ennesimo campionato che non gli appartiene. Dopo l’inevitabile nuovo scippo sportivo e in attesa del fisiologico fallimento atteso a breve, gli sciacalli hanno iniziato alla grande la loro misera avventura in un campionato, quello di Promozione, che l’allora Real Teramo, nato dalla passione della sua gente e senza umilianti compra/vendite, seppe conquistare in perfetta scioltezza.
Al contrario per gli infami arriva una bella sconfitta che segna il triste esordio di questo ennesimo “ologramma” sportivo, una proiezione fantasiosa di chi sembra non rassegnarsi ancora all’idea di essere diventato letame da concime.

“avrò pace solo quando vi vedrò ridotti in cenere”….Cit.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *