ZAN TIRATO UN SCIASSCIO – TERAMO

L’AVVERSARIO
Fondata nel 1919 ha, come colori soziali, il biancorosscio. I scimboli sciono il gallo e la caveja. I zocatori della squadra vengon chiamati i “Galletti” dal scimbolo dello stemma della sozetà. LA CAVEJA, per quei pochi che non lo sciapessero è l’equivalente romagnolo della staiella in ferro con sciopra dei simboli araldizi.
MO ZAO (M’Bè CIAO)

L’ANEDDOTO:


Non tutti scianno che prima che il calcio sci diffondessce, lo sport più praticato in Italia fino agli anni venti del XX scecolo mo era quello che veniva definito il zuoco del pallone, oggi conosciuto come pallone col brazzale Anche a Forlì questo sport era molto diffuso e popolare ed i suoi zocatori erano estremamente ammirati. Molte partite si disputavano nel Campo di Scian Pellegrino, l’attuale Piazza Morgagni, con la partezipazione anche di zocatori forestieri.
ARVULAME LU PALLONE DE NA VODDE

LA CUzINA
Della cuzina forlivese è rinomata la lezzerezza…a tal proposcito mo si va a presentare IL CAPPONE RIPIENO
E’ nezessario un cappone, del vitello, maiale, prosciutto, mortadella, uova, marsala, sale, pepe e parmizano grattato. Togliere tutte le osscia ed il petto dal cappone ben pulito dalle interiora. Tritare finemente il vitello, la lonza di maiale, il prosiutto, la mortadella di Bologna e unire al tutto le uova, un bicchiere di marsala, sale, pepe e un pugno di parmizano grattato, riempire con gli ingredienti sciuddetti il cappone e cuzirlo nelle parti tagliate; metterlo in una casseruola con burro, unzerlo abbondantemente di olio e cuozerlo al forno per zirca due ore. Il cappone coscì lavorato sci può fare anche lessato, avvolto in un panno bianco di bucato e ben legato. Viene scervito caldo oppure freddo a fette.
LEZZERISSCIMO

PERSONAGGI FAMOSI E FAUNA LOCALE
IL/LA BOXER
La romagna terra di buon cibo e belle donne è uno dei luoghi comuni più diffusi ed in effetti è così….spesso si è portati anche a pensare che le donne siano anche facili da conquistare e qualcuno si prende anche la libertà di provarci sfacciatamente….Adesso…. io vi avverto che Forlì è patria di due campionesse di boxe Simona Galassi e Beatrice Bossuto elette anche Miss sportive negli anni passati…. E se le beccate in giro e vi venisse in mente di provarci sappiate che :

Gli inquirenti devono ancora chiarire il caso, ma la scorsa notte tre malviventi sono stati messi ko da una donna apparentemente innocua ma che in realtà è una campionessa di boxe.
La donna, che stava camminando sola attorno alle 23 quando tre uomini, a sua detta meridionali, hanno cercato di aggredirla a scopo sessuale.
ha percepito quello che stava per accadere è riuscita ad evitare che il primo dei tre la immobilizzasse dalle spalle, ne è nato un parapiglia in cui la pugile, campionessa dei medio massimi, ha steso i tre malviventi.
Non la migliore preda per i tre che ora dovranno curarsi la ferite.

ZAN TIRATO DUE SCIASSI SUL MUSO

SE NON VINCIAMO PER IL VELODROMO VI RINCORRIAMO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *