Teramo vs MestreRata 2-0 – bisognava solo vincere…

Serata freddissima al Bonolis… Tristissimo il colpo d’occhio sugli spalti.

Pochissimi ma sempre cazzuti i ragazzi della curva, presenti solo pochi fedelissimi nel settore distinti e di questo ci rammarichiamo… Pesante l’assenza di A.C., uno dei leader di questo settore ingiustamente insultato durante la gara dai suoi stessi compagni.
Indecorosa la curva ospite che lancia cori con chiaro accento marchigiano… 4 (forse) i veneti, gli altri 10 erano i gemellati maceratesi. Avrebbero fatto più bella figura a non presentarsi per niente!

I nostri ragazzi come al solito hanno corso tanto e hanno provato sin dall’inizio a chiudere la partita, consapevoli dell’importanza della gara… ma il calcio non è solo corsa, ma anche organizzazione, tattica, strategia, possesso palla… e su questi aspetti il tecnico deve ancora lavorare molto se vuole ottenere la salvezza!

E molto si dovrà lavorare sul piano motivazionale: i nostri giovani vanno sostenuti, convinti, esaltati. Solo ritrovando la giusta autostima potranno superare quei limiti che ieri si sono palesati tutti contro un avversario imbarazzante (su tutti il centrale di centrocampo con fisico da ragioniere di campagna e maglia dentro i pantaloncini in stile anni 80…).

Svolta della gara il discorso di un attempato ragazzo dei distinti a Giovanni Graziano al 30^ del primo tempo… poche ma precise parole che hanno trasformato l’ex del Toro da oggetto misterioso in un giocatore “quasi” normale… ma questo lavoro non dovrebbe farlo qualcuno seduto in panchina??? Non ci dovrebbe essere una figura di raccordo tra la società e la squadra che lavori sulle motivazioni e sulla crescita dei calciatori??? Aspettiamo ancora ad entrare a gamba tesa ma non nascondiamo un pizzico di delusione in merito all’operato del tecnico e del direttore sportivo (sempre che ancora ne abbiamo uno).

Alla fine i tre punti sono arrivati, e non è sicuramente poco… ma DOBBIAMO crescere, credere di più nei nostri mezzi… un giocatore come De Grazia, se provasse a trattenere i precoci orgasmi e imparasse a gestire in maniera più serena la palla potrebbe diventare una risorsa importante per questa squadra.
Terracino sta crescendo e ancora ci chiediamo I MOTIVI DELLA SUA ESCLUSIONE nei mesi precedenti, considerando soprattutto le prestazioni penose dei nostri attaccanti… noi sappiamo attendere, ma la società e il tecnico prima o poi CE LO DEVONO SPIEGARE.

Finisce un brutto anno per il nostro calcio… una salvezza ottenuta all’ultimo minuto della finale play out e un girone di andata chiuso tra le ultime… ma noi siamo innamorati del 1913 e crediamo in LUI incondizionatamente… non possiamo quindi che sperare in un anno migliore che ci regali quelle soddisfazioni cosi rare da quel cazzo di maledetto giorno (che sia maledetto quel giorno…).

FORZA MAGICO TERAMO
FORZA VECCHIO CUORE BIANCOROSSO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *