Feralpi Salo vs Teramo 1-1 – Ascensore per l’Inferno… con risalita!

E’ vero che a Teramo si può fare più scuro di mezzanotte, ma è anche vero che qualche volta, quando tutto sembra perduto, se i protagonisti non si smarriscono, una lucetta può accendersi. E quella lucetta è un simbolo che va ben oltre l’importantissimo punto maturato a Salò.
Punto maturato a dieci minuti dalla fine (81-esimo), con la squadra rimasta in dieci per una severa incomprensibile espulsione di Varas al 13-esimo del secondo tempo, con la corazzata Salò passato in vantaggio al 71-esimo…. pochi avrebbero scommesso in un esito del genere.

Se la settimana scorsa siamo stati giustamente severi con squadra e allenatore, questa volta non possiamo non riconoscere il merito, a squadra e allenatore, di non aver mai perso la testa, di avere tirato fuori cuore, grinta e carattere, di averci creduto, insomma di essersi comportati da calciatori del Teramo 1913. Bene per Diaz !! Questa è la strada da seguire con grande umiltà e determinazione.

Questo punto va ben oltre il peso che ha nella pur difficile classifica: ci dice che da qui fino alla fine la lotta è possibile, che nessuno può darsi per spacciato a febbraio, che si dovrà combattere con testa e cuore su ogni maledetta palla in ogni maledetta partita di ogni maledetto sabato, e che nessuno, dirigente, calciatore o tifoso, potrà sottrarsi da un a guerra sempre più dura e sporca.
Questo punto ci dice anche che di giacche nere che galleggiano tra la malafede e l’incompetenza, continueremo ad incrociarne partita dopo partita. Sarà uno dei leit motiv della nostra sofferenza. Perché? C’è bisogno di dirlo? Noi siamo i punch balls del calcio professionistico italiano, e continueremo ad esserlo per almeno altri 2/3 anni, quindi niente vittimismo, ci vogliono le palle, sangue freddo, e nuovamente tanta testa, e nuovamente tanto cuore.
Bando ai toni trionfalistici ! Testa bassa! La strada è maledettamente in salita. Siamo brutti, sporchi e forse nemmeno troppo cattivi. La cattiveria dovrà essere acquisita da qui a maggio, partita dopo partita. Gli amanti del bel gioco avranno i loro abbonamenti alla TV, qui c’è una categoria da difendere che per Teramo è un valore prezioso che va ben oltre il 5-3-2, il 4-3-3, il 3-4-3, il 5-5-5 e sti cazzi.

Gli ultimi minuti di partita più i 6/7 minuti di recupero sono stati per noi tifosi momenti di assoluta sofferenza…. il tempo di è fermato, la vita si è accorciata, ma noi sappiamo che se tifi il Vecchio Diavolo la vita tenderà a riservarti quasi ed esclusivamente momenti come questi, ovvero tante lacrime e tanto sudore…. noi non siamo nati a Madrid, per fortuna noi siamo il Teramo !
Chiudiamo con i 20 intrepidi Teramani al seguito. Cosa dire loro se non “grazie ragazzi”? Ogni altra considerazione è pura retorica che non ci appartiene.
Ora il Bonolis deve tornare ad essere protagonista!
Sabato prossimo ci aspetta l’ennesima dura battaglia che non possiamo permetterci di perdere! Ma come fai a rimanere nel calduccio della tu casa, sulla tua cazzo di calda poltrona telecomando in mano, con il tuo maledetto cellulare a scrivere di tattiche calcistiche, come fai ma come fai?

Tutti allo stadio !!!!!

FORZA MAGICO TERAMO
VINCI PER NOI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *