A Noi la Storia a Voi la… Gloria

La pezza dei Vecchi Pivieri nasce nel 2003, anno in cui il Diavolo disputò i play-off contro il Martina per la promozione in serie B. Da allora sono passati 16 anni ed il nostro “Gallinaccione ha fatta di strada… vedendone di belle, di brutte ed anche qualcosa di orribile… ma la passione e l’orgoglio con il quale viene portato in giro non sono mai venuti meno.

Più volte si è pensato di sostituirlo con uno nuovo ma lui (il Gallinaccio) si è sempre opposto con tutte le sue forze, tanto che è difficile ricordare pezze così longeve tra la tifoseria teramana. Anzi, oggi è senza ombra di dubbio la pezza più storica presente sia in casa che in trasferta.

Nata, in realtà, come “due aste”, ha svolto il suo compito egregiamente fino al 2007 e, dunque, fino alla fine dell’era Malavolta. Dal 2008, con la nuova Società guidata da Luciano Campitelli, si è “trasformata” in pezza sempre al servizio del 1913, girando tutti i campi dalla Promozione alla Lega Pro, da Fontanelle di Atri a Martinsicuro, da Miglianico a Recanati, da Lumezzane a Carrara, da Vibo a Trieste… e ancora altri ne girerà fino a quando l’ultimo tratto di colore sarà ancora visibile!!!

Il tempo sta sbiadendo la pezza.. ma non la nostra passione!!!

Il Gallinaccio nel corso degli anni ha assunto vita propria, si diverte, sfotte, incita e si incazza come il più accanito dei tifosi biancorossi, è convinto che paghi regolare biglietto per entrare allo stadio…

Ma facciamo un passo indietro, l’immagine sulla pezza raffigura un uccellino, per l’appunto un piviere, con sciarpa biancorossa al collo e ghigno da invasato… l’idea, in coerenza con la filosofia goliardica ed ironica che ha da sempre contraddistinto il “gruppo” dei Vecchi Pivieri, era quella di non usare tipiche immagini che evocassero paura e violenza (diavoli, indiani, caschi, coltelli e mazze da baseball) ma un innocuo uccellino, un po’ buffo, la cui forza stava tutta nella sua follia, una folle passione per il 1913! Il fuoco della passione non si è mai spento in 16 anni, ed anche se i suoi colori sono sbiaditi, la tela è sporca e consumata, tutti siamo convinti che questo fuoco continuerà ad ardere per tanto altro tempo ancora.

Il Piviere continuerà a seguire le sorti del Diavolo sempre e comunque!

Khra Khrraaa Khhrrraaaaaaa

il verso del Piviere riecheggia tra gli spalti, lui svolazza e si appollaia un po’ di qua e un po’ di la, è convinto che il mondo gli appartenga, che il Teramo 1913 sia la migliore ragione di vita che ci possa essere e che l’errore più grave che l’avversario possa commettere sia quello di sottovalutarne la potenza!

Khhhrrrraaaaaaaaaa      

2 pensieri riguardo “A Noi la Storia a Voi la… Gloria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *