vecchipivieri.com il blog dei tifosi del teramo

. . . il sito dei tifosi del Teramo Calcio

Il Report
cc

Il Blog dei tifosi del Teramo

Il Report del Piviere 

Teramo - Sud Tirol 0-0

di Staff

Noi crediamo al cuore... sempre!

Un punto che fa morale...
Ovviamente cari tifosi biancorossi è una battuta... solo l'ironia allo stato attuale delle cose ci può salvare.
Assistere a prestazioni del genere e prendere tutto sul serio con relativa incazzatura non ci sembra una buona scelta.
Le giornate sono ancora tante, la fine sportiva più o meno segnata e continuare a dedicare ragionamenti troppo elaborati a chi non ha la forza, la voglia, le capacità tecniche e mentali per evitare una devastante retrocessione ci sembra perfettamente inutile.
L'unica considerazione la possiamo fare su mister Ugolotti che dopo aver attentamente valutato il materiale umano (scusate il termine) a disposizione ha preferito impostare una gara per non perdere anche se la gara odierna rappresentava una sorta di ultima spiaggia.
Non possiamo pensare che un Camilleri (giocatore dalla costanza impressionante, oggi al secondo netto fallo da rigore su tre gare giocate) ci possa condurre ad una salvezza in un ipotetico crescendo di gioco e di risultati... per non parlare del tenero batuffolo Petrella, dell'indomito Imparato (capace di non azzeccare un appoggio e di beccare cinque coppini a mano aperta in area nella stessa azione senza il minimo accenno di reazione) e dei tanti mediocri chiamati a Gennaio per indebolire ulteriormente le fila di questo manipolo di mezze seghe.
Un mercato di "rafforzamento" che farà sicuramente letteratura nei secoli dei secoli... trattative portate avanti dai nostri Totò & Peppino al massimo delle proprie capacità (due finissima teste pensanti) dove i calciatori scartati si sono rivelati nettamente più forti e più sani di quelli arrivati. Strategie incomprensibili a noi comuni mortali.
Tornando alla partita rileviamo i soliti brutti senz'anima... assolutamente inadeguati alla battaglia, piccoli uomini, conigli spauriti sui quali grava e graverà per sempre l'onda di aver annientato l'entusiasmo di una piazza che nonostante le varie vicissitudini era riuscita a ritrovare le motivazioni giuste e di aver contribuito, in concorso di colpa, a buttare nel cesso un ciclo fantastico che aveva regalato epiche vittorie ed incredibili trionfi.
A meno di improbabili miracoli sportivi, che in cuor nostro continuiamo ad augurarci, i cocci di quella macchina perfetta si stanno definitivamente sgretolando.
La vergognosa incompetenza di determinate figure dirigenziali ha finito per cancellare tutto e vanificare anche lo sforzo di una buona fetta di tifoseria che aveva deciso di collaborare alla difficile opera di "purificazione" in nome del sacrosanto diritto alla "seconda possibilità".
Una scelta difficile, forse anche impopolare, ma consapevole e fermamente voluta dalla maggioranza che ha rischiato seriamente di lacerare irreparabilmente un ambiente già in grandissima difficoltà.
Adesso la misura è colma, le scelte errate, la assoluta mancanza di lucidità e la sensazione sempre più netta che nessuno in questa Società abbia competenze e carisma tali per gestire e risolvere questa drammatica situazione lasciano spazio allo sconforto più assoluto.
La triste questione Grilli che fortunatamente nulla incide sotto l'aspetto del calcio giocato, rappresenta però la dimostrazione più lampante della totale assenza di un vero Direttore Sportivo e di un vero Direttore Generale.
Un teatrino evitabilissimo, indegno per una Società di calcio professionistica, una vergogna assoluta che in qualsiasi altra realtà avrebbe portato alla decapitazione immediata di chi avrebbe dovuto gestire i rapporti all'interno di uno spogliatoio.
Urge un segnale forte e chiaro di quali saranno i programmi futuri, di come e con quali figure al suo fianco il Presidente Campitelli intenderà andare avanti e lo vogliamo sapere subito, una chiarezza necessaria anche perché notiamo vacillare paurosamente anche le imponenti "legioni" di aficionados che lo hanno sempre sostenuto.
Cedimenti strutturali inevitabili sotto i colpi dell'incompetenza e dell'arroganza... il "bel 9" auto assegnatosi per il mercato di riparazione subito dopo aver esonerato Bolla per manifesta incapacità evidenzia ancora di più lo stato di pericolosissima confusione mentale.
Mercoledì contro il Pordenone ci sarà l'ennesima occasione da poter sfruttare... il cuore ci impone di crederci senza tentennamenti, la ragione ci consiglia di preparare l'anima all'ennesima cocente delusione.

Noi preferiamo credere al cuore... SEMPRE!!!

FORZA MAGICO TERAMO
FORZA VECCHIO CUORE BIANCOROSSO


gli ultimi messaggi dal muro...
di Staff il 12/05/2018 alle 22:54:55    
Il Report del Piviere SIAMO SALVI di Staff ora però BASHTA Bene, siamo salvi, abbiamo conservato la serie C, patrimonio cittadino. Per la prima volta nella storia, una decisione di un organo di giustizia sportiva non ha preso a calci in culo il Teramo1913. Questa cosa ci meraviglia, ma in realtà l'organo in questione ha semplicemente fatto il proprio dovere: far applicare i regolamenti. Evidentemente avere il Santarcangelo e non l'Ascoli Picchio come parte avversa deve avere aiutato. Passata la soddisfazione per questa notizia, prendiamo il mantenimento della categoria come come spunto per un paio di riflessioni. Ribadiamolo ancora una volta: la serie C è un asset prezioso ed importantissimo per questa città, un simbolo di mancata resa, una conquista meritata da buona parte della tifoseria teramana che ha cercato di tenersela stretta come ha potuto. Categoria meritata da parte dei tifosi. Fin qui tutto chiaro. I problemi sorgono nel momento in cui guardiamo il verdetto del campo. Qui constatiamo che il Teramo1913 è stata la squadra più scarsa del girone B. Siamo tutti concordi nel ritenere che se il Teramo avesse incrociato sul campo il Vicenza "fallito", avrebbe avuto elevatissime probabilità di retrocedere. Raramente ci è capitato di vedere una squadra cosi vuota di contenuti morali. Raramente ci era capitato di vedere gli attaccanti biancorossi totalmente a secco (abbiamo statistiche e confronti impietosi con il passato... ma non vogliamo evidentemente infierire). E purtroppo, questa non è stata un'annata isolata, di quelle nate storte ecc. ecc. No, questa è stata la brutta copia, se possibile, della pessima stagione dello scorso anno, quella dell'incubo nei play out del salvataggio di Caidi sulla linea contro il Real Madr... il Lumezzane.... E se permettete... il tifoso guarda le partite sul campo, soffre con la squadra in campo, guarda i gesti tecnici, i tiri, la grinta, la cattiveria le corse in campo. Il tifoso non guarda se la Società paga gli stipendi (ovviamente il tifoso è contento se la Società paga regolarmente gli stipendi ai suoi dipendenti, ma non è questo che alimenta la sua passione). E sul campo abbiamo visto il NULLA. Ora, se pensate che qui ci metteremo a colpevolizzare il portiere Z, l'attaccante X o il centrocampista Y, vi sbagliate di grosso. Ovviamente ci hanno fatto bestemmiare. E pure di brutto. Ma le responsabilità vanno date a chi compete nella catena di comando. Quindi alla Società, che senza imparare nulla dal passato riguardo a Ds, allenatori e calciatori, ha fatto anche peggio dell'anno precedente. E a Teramo la Società è Luciano Campitelli. A noi fa piacere che si presenti in uno studio televisivo di una TV locale con la felpa del Teramo con orgoglio. È anche giusto che si attribuisca i meriti della salvezza per aver pagato regolarmente gli stipendi (cosa che il Santarcangelo non ha fatto... la normalità e fare il proprio dovere sono diventati in questo calcio e in questo paese meriti da sbandierare). Ma è del tutto inaccettabile la mancanza di una vera seria autocritica per un triennio calcistico da incubo che ha spaccato, logorato ed esasperato una tifoseria sin troppo benevola e comprensiva. Sempre nello studio televisivo della TV locale, dinanzi ad un presentatore gongolante, il Presidente Campitelli è stato vago sul futuro, dando ad intendere che in sostanza vorrebbe condividere la gestione del 1913 con altri imprenditori, "pochi ma buoni". Ci sono? Dove sono? Chi sono? Praticamente il nulla... Ennesima mezza presa per il culo. Beh, noi qui ci siamo rotti. Riconosciamo a Campitelli di avere fatto un ottimo lavoro nei Dilettanti (grazie per questo), ma l'incapacità di fare altrettanto nei professionisti è sotto gli occhi di tutti (almeno di chi vuol vedere). Francamente non ne possiamo più di essere la Bad Company del Pescara. Riteniamo che un ciclo sia arrivato, per ovvi motivi, al capolinea. Piuttosto che fare chiacchiere sterili in TV, Campitelli dovrebbe adoperarsi concretamente per cedere la Società "a chi è meglio di lui", come sostiene da anni. Per una volta faccia quello che ha detto!! Per inciso, a noi farebbe stare molto male dover ripartire da Pianella: non stiamo qua a fare i fenomeni, sarebbe uno scenario molto duro da digerire, ma siamo disposti ancora a mangiare questa merda se può servire al Teramo 1913 per ritrovare una logica, una dignità, obiettivi, stimoli, motivazioni, unità di intenti, senso di appartenenza e ambiente compattato. Siccome prevediamo che per il 18/19 il solito Campitelli sarà sempre li, a proporre il suo One Man Show e le sue stagioni da incubo per i tifosi (ma sempre acclamato dalla sua claque), lo diciamo molto chiaramente: CON NOI, CREDITO FINITO. BASHTA!!!!
 
di Staff il 07/05/2018 alle 21:40:13    
Il Report del Piviere Teramo vs Reggiana 3-3 di Staff Conquistala per Noi!!! TESTA BASSA E PEDALARE... SALVIAMO QUESTA CAZZO DI CATEGORIA COMUNQUE VADA, DAL 29 MAGGIO, NEL BENE O NEL MALE NE AVREMO PER TUTTI NESSUNA PIETÀ. FORZAVECCHIOCUOREBIANCOROSSO
 

Documento senza titolo

www.vecchivieri.com - il blog dei tifosi del teramo calcio - mail: info@vecchipivieri.com