vecchipivieri.com il blog dei tifosi del teramo

. . . il sito dei tifosi del Teramo Calcio

Il Report
cc

Il Blog dei tifosi del Teramo

Il Report del Piviere 

Fano - Teramo 0-0

di Staff

Un pubblico di categoria, Societá e squadra non all'altezza.

Mentre ci accingiamo a scrivere questo Report, giungono notizie di stampa sull'ennesimo capolavoro dei vertici societari del 1913. Il Capolavoro consisterebbe nell' esonero di mister Palladini e il ritorno di mister Asta, il tutto ad una giornata dalla fine del campionato e un probabile e delicatissimo playout da giocare. (NdR: a distanza di 24 ore ci giunge l'ufficialità dell'affidamento della squadra al vice di Asta... a seguito del rifiuto del mister piemontese di tornare al timone).

Abbiamo l'ennesima dimostrazione che la leadership del Teramo1913 è "fuori controllo", è del tutto incapace di assumersi la responsabilità dei propri errori, e continua a scaricare queste responsabilità sulle persone da lei stessa designate.
E continua a rivolgersi in modo irrispettoso nei confronti dei tifosi del Teramo 1913, suo principale asset.

Troveremmo meno imbarazzante per questa stoica tifoseria, che Luciano Campitelli dichiari di non essere più in grado di sostenere il professionismo. Trovi prima possibile, come ha sempre detto, "uno meglio di lui", e saluti una piazza che, nel complesso, gli ha accordato un credito enorme e, tutto sommato rispetto. Credito non ripagato.

Ma andiamo alla partita, che al di là del risultato, ha un unico grande vincitore, il pubblico biancorosso, SEICENTO anime stoiche e appassionate, ampiamente all'altezza della categoria.
Teramo ha sempre risposto "presente" in certe occasioni, e noi siamo orgogliosi di questo orgoglio. Il nostro pubblico è sul pezzo nei momenti importanti e da passione e prova di se anche quando dall'altra parte c’è il nulla. Chapeau.

Squadra invece non all'altezza dell'unica missione e opzione disponibile a Fano: la vittoria.
Hanno sudato, certo, ma la sensazione dagli spalti è sempre quella di chi fa il compitino con il freno a mano tirato, di una incapacità generale e generalizzata di trovare quella risorsa in più, quella vena di follia e sana incoscienza che in taluni momenti possono fare la differenza. Non abbiamo subito tiri, è vero, ma non abbiamo nemmeno fatto un cazzo di tiro in porta!!!

La squadra, lo sappiamo, è stata costruita molto male ed aggiustata anche peggio a gennaio... scaricare colpe specifiche a questo o quel giocatore o modulo tattico costituisce una "guerra dei poveri" alla quale non prenderemo parte. Non ora.

Ora dipendiamo dagli altri.
E domenica bisogna vincere contro una corazzata costruita per vincere il campionato e in lotta per la seconda posizione.

Noi ci saremo sempre.

FORZA IL VECCHIO CUORE BIANCOROSSO


gli ultimi messaggi dal muro...
di Staff il 12/05/2018 alle 22:54:55    
Il Report del Piviere SIAMO SALVI di Staff ora però BASHTA Bene, siamo salvi, abbiamo conservato la serie C, patrimonio cittadino. Per la prima volta nella storia, una decisione di un organo di giustizia sportiva non ha preso a calci in culo il Teramo1913. Questa cosa ci meraviglia, ma in realtà l'organo in questione ha semplicemente fatto il proprio dovere: far applicare i regolamenti. Evidentemente avere il Santarcangelo e non l'Ascoli Picchio come parte avversa deve avere aiutato. Passata la soddisfazione per questa notizia, prendiamo il mantenimento della categoria come come spunto per un paio di riflessioni. Ribadiamolo ancora una volta: la serie C è un asset prezioso ed importantissimo per questa città, un simbolo di mancata resa, una conquista meritata da buona parte della tifoseria teramana che ha cercato di tenersela stretta come ha potuto. Categoria meritata da parte dei tifosi. Fin qui tutto chiaro. I problemi sorgono nel momento in cui guardiamo il verdetto del campo. Qui constatiamo che il Teramo1913 è stata la squadra più scarsa del girone B. Siamo tutti concordi nel ritenere che se il Teramo avesse incrociato sul campo il Vicenza "fallito", avrebbe avuto elevatissime probabilità di retrocedere. Raramente ci è capitato di vedere una squadra cosi vuota di contenuti morali. Raramente ci era capitato di vedere gli attaccanti biancorossi totalmente a secco (abbiamo statistiche e confronti impietosi con il passato... ma non vogliamo evidentemente infierire). E purtroppo, questa non è stata un'annata isolata, di quelle nate storte ecc. ecc. No, questa è stata la brutta copia, se possibile, della pessima stagione dello scorso anno, quella dell'incubo nei play out del salvataggio di Caidi sulla linea contro il Real Madr... il Lumezzane.... E se permettete... il tifoso guarda le partite sul campo, soffre con la squadra in campo, guarda i gesti tecnici, i tiri, la grinta, la cattiveria le corse in campo. Il tifoso non guarda se la Società paga gli stipendi (ovviamente il tifoso è contento se la Società paga regolarmente gli stipendi ai suoi dipendenti, ma non è questo che alimenta la sua passione). E sul campo abbiamo visto il NULLA. Ora, se pensate che qui ci metteremo a colpevolizzare il portiere Z, l'attaccante X o il centrocampista Y, vi sbagliate di grosso. Ovviamente ci hanno fatto bestemmiare. E pure di brutto. Ma le responsabilità vanno date a chi compete nella catena di comando. Quindi alla Società, che senza imparare nulla dal passato riguardo a Ds, allenatori e calciatori, ha fatto anche peggio dell'anno precedente. E a Teramo la Società è Luciano Campitelli. A noi fa piacere che si presenti in uno studio televisivo di una TV locale con la felpa del Teramo con orgoglio. È anche giusto che si attribuisca i meriti della salvezza per aver pagato regolarmente gli stipendi (cosa che il Santarcangelo non ha fatto... la normalità e fare il proprio dovere sono diventati in questo calcio e in questo paese meriti da sbandierare). Ma è del tutto inaccettabile la mancanza di una vera seria autocritica per un triennio calcistico da incubo che ha spaccato, logorato ed esasperato una tifoseria sin troppo benevola e comprensiva. Sempre nello studio televisivo della TV locale, dinanzi ad un presentatore gongolante, il Presidente Campitelli è stato vago sul futuro, dando ad intendere che in sostanza vorrebbe condividere la gestione del 1913 con altri imprenditori, "pochi ma buoni". Ci sono? Dove sono? Chi sono? Praticamente il nulla... Ennesima mezza presa per il culo. Beh, noi qui ci siamo rotti. Riconosciamo a Campitelli di avere fatto un ottimo lavoro nei Dilettanti (grazie per questo), ma l'incapacità di fare altrettanto nei professionisti è sotto gli occhi di tutti (almeno di chi vuol vedere). Francamente non ne possiamo più di essere la Bad Company del Pescara. Riteniamo che un ciclo sia arrivato, per ovvi motivi, al capolinea. Piuttosto che fare chiacchiere sterili in TV, Campitelli dovrebbe adoperarsi concretamente per cedere la Società "a chi è meglio di lui", come sostiene da anni. Per una volta faccia quello che ha detto!! Per inciso, a noi farebbe stare molto male dover ripartire da Pianella: non stiamo qua a fare i fenomeni, sarebbe uno scenario molto duro da digerire, ma siamo disposti ancora a mangiare questa merda se può servire al Teramo 1913 per ritrovare una logica, una dignità, obiettivi, stimoli, motivazioni, unità di intenti, senso di appartenenza e ambiente compattato. Siccome prevediamo che per il 18/19 il solito Campitelli sarà sempre li, a proporre il suo One Man Show e le sue stagioni da incubo per i tifosi (ma sempre acclamato dalla sua claque), lo diciamo molto chiaramente: CON NOI, CREDITO FINITO. BASHTA!!!!
 
di Staff il 07/05/2018 alle 21:40:13    
Il Report del Piviere Teramo vs Reggiana 3-3 di Staff Conquistala per Noi!!! TESTA BASSA E PEDALARE... SALVIAMO QUESTA CAZZO DI CATEGORIA COMUNQUE VADA, DAL 29 MAGGIO, NEL BENE O NEL MALE NE AVREMO PER TUTTI NESSUNA PIETÀ. FORZAVECCHIOCUOREBIANCOROSSO
 

Documento senza titolo

www.vecchivieri.com - il blog dei tifosi del teramo calcio - mail: info@vecchipivieri.com